Progetto multidisciplinare per l’Alta Scuola Politecnica

Cinque studenti dell’Alta Scuola Politecnica hanno progettato Pure Wings: un sistema pulito e sostenibile per il rifornimento di aeromobili, con la produzione di idrogeno per elettrolisi fotovoltaica

Pubblicato il 19 luglio 2011
aerei-200x126.jpg

Pure Wings, elaborato da cinque studenti Asp (Alta Scuola Politecnica, istituita nel 2004 da Politecnico di Milano e il Politecnico di Torino), con il supporto della Camera di Commercio di Torino, di DigiSky e di Mathworks, società protagonista nello sviluppo di programmi per il calcolo matematico, è un sistema di supporto a terra, pulito e sostenibile, per il rifornimento di energia agli aeromobili in attesa del decollo. Pure Wings è stato sviluppato all’interno del più ampio progetto SkySpark che aveva per finalità la realizzazione di un velivolo “ecologico” a idrogeno.

Il progetto è nato dall’esigenza di una riduzione dell’impatto ambientale a fronte dell’aumento delle emissioni degli aerei e del fabbisogno energetico in un contesto di aumentata ricchezza che, negli ultimi trenta anni, ha portato a una crescente domanda del trasporto aereo d’affari e turistico.

Pure Wings è focalizzato sulla produzione di idrogeno per elettrolisi fotovoltaica, direttamente in aeroporto, attraverso lo stoccaggio di bombole di idrogeno pressurizzate e ha preso in considerazione due aeroporti di dimensioni molto differenti, Milano-Malpensa e Cuneo-Levaldigi.

Grazie a uno strumento innovativo è stata stimata la quantità di energia solare disponibile per anno in ciascun sito.

La scelta di produrre idrogeno attraverso l’elettrolisi fotovoltaica presenta numerosi vantaggi: l’unità di produzione del vettore energetico si può trovare direttamente in loco e può essere “tagliata” sulle esigenze di rifornimento, non ci sono costi di trasporto dell’energia, grazie alla fonte solare il sistema è “verde” e il costo dell’idrogeno arriverebbe a 4-5 €/kg entro il 2015-2020 (oggi costa circa 22€/kg).

Il progetto Pure Wings ha anche analizzato l’aspetto della sicurezza nell’utilizzo dell’idrogeno: i rischi sono notevolmente ridotti grazie al fatto che non sono impiegati gasdotti per il suo trasporto e per lo stoccaggio, che comunque potrebbe essere posto lontano dalle persone. Inoltre, l’eventuale effetto abbagliante dei pannelli sul pilota, nelle fasi di decollo e atterraggio, potrebbe essere evitato scegliendo una particolare tecnologia di elementi fotovoltaici e correggendo inclinazione e posizione degli stessi.

Asp: www.asp-poli.it



Contenuti correlati

  • svilupposostenibile
    Emissioni nazionali di gas serra 2014

    La Fondazione per lo sviluppo sostenibile ha recentemente presentato una stima delle emissioni nazionali di gas serra per l’anno appena trascorso. Nel 2014 le emissioni di gas serra dell’Italia si sono attestate attorno a 410 milioni di...

  • Foto sistema 2
    Soluzioni per il monitoraggio delle emissioni

    La qualità dell’aria negli ambienti chiusi è fortemente influenzata dalle emissioni di sostanze organiche volatili rilasciate da pavimenti, pareti, mobili, pitture, vernici, collanti , stoffe, moquette, parquet ecc. Le persone trascorrono sempre più tempo in ambienti chiusi...

  • grundfospompe
    Pompe sommerse SP

    Grundfos ha lanciato una gamma di pompe SP di medie dimensioni. Sono pompe sommerse ad elevata efficienza energetica per acqua di falda. La migliorata efficienza e resistenza all’usura della pompa permette di accrescere ancora di più la...

  • BLS
    Alto Adige: primato per la green economy

    Green economy: anche quest’anno la regione Alto Adige si aggiudica la vetta della classifica nazionale. La quantità di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili e l’abbondante disponibilità di acqua hanno permesso al territorio di raggiungere il gradino...

  • daikin
    Daikin e i refrigeranti Solvay

    Daikin Industries annuncia l’acquisizione del business europeo dei refrigeranti della più importante azienda belga operante nel settore chimico, Solvay. In linea con le direttive della regolamentazione F-gas, l’Europa ha come obiettivo primario quello del passaggio all’uso di...

  • The Power
    Quanto costano i cambiamenti climatici?

    Un recente studio che calcola gli impatti economici dei cambiamenti climatici mostra che i costi delle emissioni di anidride carbonica sono stati sottostimati. Gli scienziati di Stanford sostengono che il danno economico causato da una tonnellata di...

  • novamontcoldiretti
    Accordo Coldiretti-Novamont

    “L’attivazione di una filiera agricola rispettosa del territorio, che valorizzi aree abbandonate non irrigue per alimentare il primo modello di bioraffineria integrata nel territorio, sinergica con la filiera alimentare e rivolta a prodotti ad alto valore aggiunto,...

  • istat2.jpg
    Amministrazioni regionali e spesa ambientale

    L’Istat presenta i dati relativi alla spesa ambientale delle amministrazioni regionali per l’anno 2012 e la nuova serie 2010-2011 coerente con i risultati della revisione completa dei conti nazionali programmata in occasione dell’introduzione del nuovo Sistema europeo...

  • leadImage
    Rapporto Ispra: Qualità dell’Ambiente Urbano

    È stato pubblicato l’ultimo Rapporto Ispra. È del 50% il calo delle emissioni di PM10 registrato nel settore dei trasporti su strada in 12 anni, periodo in cui scendono del 63% anche quelle del settore industriale, ma...

  • cnr
    Cnr: il monitoraggio del clima? Grazie a uno scanner italiano

    L’Istituto nazionale di ottica del Consiglio nazionale delle ricerche (Ino-Cnr) di Firenze e l’azienda americana Planetary Emissions Management (Cambridge, Massachussets) hanno avviato una collaborazione per industrializzare e mettere in commercio la tecnologia laser (Patent Pending) Cnr che...

Scopri le novità scelte per te x