Progetto multidisciplinare per l’Alta Scuola Politecnica

Cinque studenti dell’Alta Scuola Politecnica hanno progettato Pure Wings: un sistema pulito e sostenibile per il rifornimento di aeromobili, con la produzione di idrogeno per elettrolisi fotovoltaica

Pubblicato il 19 luglio 2011
aerei-200x126.jpg

Pure Wings, elaborato da cinque studenti Asp (Alta Scuola Politecnica, istituita nel 2004 da Politecnico di Milano e il Politecnico di Torino), con il supporto della Camera di Commercio di Torino, di DigiSky e di Mathworks, società protagonista nello sviluppo di programmi per il calcolo matematico, è un sistema di supporto a terra, pulito e sostenibile, per il rifornimento di energia agli aeromobili in attesa del decollo. Pure Wings è stato sviluppato all’interno del più ampio progetto SkySpark che aveva per finalità la realizzazione di un velivolo “ecologico” a idrogeno.

Il progetto è nato dall’esigenza di una riduzione dell’impatto ambientale a fronte dell’aumento delle emissioni degli aerei e del fabbisogno energetico in un contesto di aumentata ricchezza che, negli ultimi trenta anni, ha portato a una crescente domanda del trasporto aereo d’affari e turistico.

Pure Wings è focalizzato sulla produzione di idrogeno per elettrolisi fotovoltaica, direttamente in aeroporto, attraverso lo stoccaggio di bombole di idrogeno pressurizzate e ha preso in considerazione due aeroporti di dimensioni molto differenti, Milano-Malpensa e Cuneo-Levaldigi.

Grazie a uno strumento innovativo è stata stimata la quantità di energia solare disponibile per anno in ciascun sito.

La scelta di produrre idrogeno attraverso l’elettrolisi fotovoltaica presenta numerosi vantaggi: l’unità di produzione del vettore energetico si può trovare direttamente in loco e può essere “tagliata” sulle esigenze di rifornimento, non ci sono costi di trasporto dell’energia, grazie alla fonte solare il sistema è “verde” e il costo dell’idrogeno arriverebbe a 4-5 €/kg entro il 2015-2020 (oggi costa circa 22€/kg).

Il progetto Pure Wings ha anche analizzato l’aspetto della sicurezza nell’utilizzo dell’idrogeno: i rischi sono notevolmente ridotti grazie al fatto che non sono impiegati gasdotti per il suo trasporto e per lo stoccaggio, che comunque potrebbe essere posto lontano dalle persone. Inoltre, l’eventuale effetto abbagliante dei pannelli sul pilota, nelle fasi di decollo e atterraggio, potrebbe essere evitato scegliendo una particolare tecnologia di elementi fotovoltaici e correggendo inclinazione e posizione degli stessi.

Asp: www.asp-poli.it



Contenuti correlati

  • caprari70
    Caprari: 70 anni del ciclo integrato dell’acqua

    Il Gruppo Caprari festeggia quest’anno il 70° anniversario dell’Azienda. Si tratta di un’importante realtà internazionale, che dalla fondazione di Amadio Caprari nel 1945, prosegue con successo nella produzione di Pompe Centrifughe e nella ideazione di soluzioni avanzate...

  • LifeGate_OsservatorioSostenibilita1
    Monitorare la sostenibilità

    L’approccio degli italiani ai temi della sostenibilità è positivo anche in tempo di crisi e dimostra atteggiamenti concreti ed effettivi, di consumo e acquisto consapevoli, soprattutto in termini di sostenibilità ambientale. Un trend che coinvolge circa 20...

  • stoviglie
    Stoviglie e bottiglie compostabili

    Gli imballaggi compostabili che vengono conferiti con l’umido non sono smaltiti dal sistema Conai ma dagli impianti di compostaggio. Quello delle bioplastiche “è sicuramente un settore affascinante ma non tutti gli impianti sono strutturati per ricevere tutte...

  • grana-padano-forma
    Grana Padano DOP: carbon footprint certificata

    Il progetto di calcolo della prima Carbon Footprint del Grana Padano prodotto nel caseificio di Volta Mantovana dell’azienda Santangiolina è promosso e co-finanziato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ed è stato...

  • VSF15
    Progressi di VinylPlus verso gli obiettivi 2020

    Con 481.018 tonnellate di Pvc riciclate nel 2014, VinylPlus, il programma di sviluppo sostenibile dell’industria europea del Pvc, continua a progredire verso i suoi obiettivi di riciclo per il 2020. L’industria ha confermato al Vinyl Sustainability Forum...

  • bio4expo
    Bio4Expo: bioplastiche per Expo

    Bio4Expo.com è un’iniziativa destinata a quegli espositori e organizzatori di eventi che per i servizi di ristorazione previsti nel corso dei 6 mesi di Expo 2015 decidono di usare stoviglie e altri prodotti simili realizzati in bioplastica...

  • BiogasCem
    Biometano dai rifiuti organici

    Produrre biometano dai rifiuti organici con costi inferiori a quelli attuali utilizzando composti a basso impatto ambientale in grado di catturare la CO2. Tutto questo grazie a un nuovo impianto per la produzione di biometano da immettere...

  • recoil
    Olio usato: da rifiuto a risorsa

    L’olio da cucina usato è un rifiuto non facile da smaltire. Un inadeguato smaltimento può provocare impatti ambientali rilevanti rendendo particolarmente difficoltoso e dispendioso il trattamento delle acque reflue. In Italia tale rifiuto è classificato con il...

  • raccoltaecolamp
    Consorzio Ecolamp in crescita

    Il consorzio Ecolamp supera nel 2014 quota 2.000: per la precisione sono 2.068 le tonnellate di lampadine a basso consumo raccolte in tutto il territorio nazionale grazie al contributo dei cittadini e ai conferimenti del canale professionale....

  • DSC01612
    Pneumatici contro l’inquinamento acustico

    La recente inchiesta di Repubblica.it sull’inquinamento acustico parla chiaro: 1/5 della popolazione esposta a livelli di rumore eccessivo, 10.000 vittime l’anno in Europa, aumento di malattie cardiache, disturbi del sonno, problemi cognitivi nei bambini, con le conseguenti...

Scopri le novità scelte per te x