Progetto multidisciplinare per l’Alta Scuola Politecnica

Cinque studenti dell’Alta Scuola Politecnica hanno progettato Pure Wings: un sistema pulito e sostenibile per il rifornimento di aeromobili, con la produzione di idrogeno per elettrolisi fotovoltaica

Pubblicato il 19 luglio 2011
aerei-200x126.jpg

Pure Wings, elaborato da cinque studenti Asp (Alta Scuola Politecnica, istituita nel 2004 da Politecnico di Milano e il Politecnico di Torino), con il supporto della Camera di Commercio di Torino, di DigiSky e di Mathworks, società protagonista nello sviluppo di programmi per il calcolo matematico, è un sistema di supporto a terra, pulito e sostenibile, per il rifornimento di energia agli aeromobili in attesa del decollo. Pure Wings è stato sviluppato all’interno del più ampio progetto SkySpark che aveva per finalità la realizzazione di un velivolo “ecologico” a idrogeno.

Il progetto è nato dall’esigenza di una riduzione dell’impatto ambientale a fronte dell’aumento delle emissioni degli aerei e del fabbisogno energetico in un contesto di aumentata ricchezza che, negli ultimi trenta anni, ha portato a una crescente domanda del trasporto aereo d’affari e turistico.

Pure Wings è focalizzato sulla produzione di idrogeno per elettrolisi fotovoltaica, direttamente in aeroporto, attraverso lo stoccaggio di bombole di idrogeno pressurizzate e ha preso in considerazione due aeroporti di dimensioni molto differenti, Milano-Malpensa e Cuneo-Levaldigi.

Grazie a uno strumento innovativo è stata stimata la quantità di energia solare disponibile per anno in ciascun sito.

La scelta di produrre idrogeno attraverso l’elettrolisi fotovoltaica presenta numerosi vantaggi: l’unità di produzione del vettore energetico si può trovare direttamente in loco e può essere “tagliata” sulle esigenze di rifornimento, non ci sono costi di trasporto dell’energia, grazie alla fonte solare il sistema è “verde” e il costo dell’idrogeno arriverebbe a 4-5 €/kg entro il 2015-2020 (oggi costa circa 22€/kg).

Il progetto Pure Wings ha anche analizzato l’aspetto della sicurezza nell’utilizzo dell’idrogeno: i rischi sono notevolmente ridotti grazie al fatto che non sono impiegati gasdotti per il suo trasporto e per lo stoccaggio, che comunque potrebbe essere posto lontano dalle persone. Inoltre, l’eventuale effetto abbagliante dei pannelli sul pilota, nelle fasi di decollo e atterraggio, potrebbe essere evitato scegliendo una particolare tecnologia di elementi fotovoltaici e correggendo inclinazione e posizione degli stessi.

Asp: www.asp-poli.it



Contenuti correlati

  • opus
    Seminario “Ambiente ed emissioni: aspetti normativi e operativi”

    Il 15 ottobre 2014 si terrà la terza edizione del seminario “Ambiente ed Emissioni: aspetti normativi e operativi”. L’evento è organizzato da Opus automazione, azienda toscana esperta nei sistemi di controllo emissioni e gas di processo, e...

  • Cyphochilus1
    Il bianco più bianco? È di un coleottero

    Scoperte le ragioni fisiche del bianco incredibilmente intenso e brillante delle scaglie di rivestimento di alcune specie di coleotteri. Il Cyphochilus, un parente asiatico del comune ‘maggiolino’, ha infatti una proprietà che non passa inosservata: il corpo...

  • pile e accumulatori
    Progetto pilota di Erp Italia: raccolta a domicilio di pile esauste in provincia di Cuneo

    Dopo aver raggiunto l’importante traguardo di 2 milioni di tonnellate di Raee raccolti e riciclati dall’inizio del 2005 ad oggi, Erp Italia prosegue il suo percorso di sensibilizzazione e salvaguardia ambientale con il progetto pilota per la...

  • kellogg
    Kellogg Company tra impegno per approvvigionamenti responsabili e salvaguardia dell’ambiente

    Kellogg Company ha una ricca tradizione di attenzione verso i consumatori, i clienti e il mondo in cui viviamo. Questa eredità sulla sostenibilità risale a più di 100 anni fa, quando W.K. Kellogg iniziò a utilizzare materiali...

  • 13_rass_prod_dow
    Moduli di ultrafiltrazione DOW

    Il cuore della tecnologia brevettata di ultrafiltrazione DOW è rappresentato dalle fibre cave in polivinilidenfluoruro idrofilico (H-Pvdf). La natura idrofilica del mezzo filtrante riduce la tendenza alla contaminazione organica che è caratteristica di altri materiali più idrofobi....

  • epta 2
    2° Bilancio di sostenibilità per Epta: il vademecum per un futuro responsabile

    Epta presenta il secondo Corporate Social Responsability Report e riconferma il suo impegno volto a salvaguardare le persone e l’ambiente. Un approccio responsabile, che quest’anno viene ulteriormente avvalorato da “Eptology, The Epta Way UP”, concept recentemente rinnovato,...

  • inquinanti
    Analisi delle serie storiche dei principali inquinanti atmosferici in Italia (2003 – 2012)

    Ispra ha recentemente pubblicato il volume “Analisi delle serie storiche dei principali inquinanti atmosferici in Italia (2003 – 2012)”. L’obiettivo di questo studio è stato quello di verificare l’eventuale esistenza di un trend temporale statisticamente significativo nelle...

  • settore chimico
    Industrie del settore chimico: le più attente ai rischi ambientali

    Quando si tratta di rischi ambientali, le più attente sono le aziende chimiche. Le imprese ad alto rischio, in particolare quelle appartenenti al settore chimico, sono quelle che stanno lavorando più attivamente per limitare il proprio impatto...

  • enea agricoltura
    Enea e l’agricoltura sostenibile

    L’agricoltura di precisione è una forma di agricoltura tecnologicamente avanzata che mira a ridurre al minimo gli impatti sull’ambiente. L’applicazione di tecniche innovative in questo settore, con conseguenti vantaggi sia per la difesa dai fenomeni di degrado...

  • barilla
    Accordo tra Barilla e Consorzio Casalasco del Pomodoro

    Il Gruppo Barilla, protagonista nei settori di pasta, sughi e prodotti da forno, ha firmato un accordo orizzontale tra le filiere con il Consorzio Casalasco del Pomodoro, già partner di Barilla per lo sviluppo, la produzione e...

Scopri le novità scelte per te x