Progetto multidisciplinare per l’Alta Scuola Politecnica

Cinque studenti dell’Alta Scuola Politecnica hanno progettato Pure Wings: un sistema pulito e sostenibile per il rifornimento di aeromobili, con la produzione di idrogeno per elettrolisi fotovoltaica

Pubblicato il 19 luglio 2011
aerei-200x126.jpg

Pure Wings, elaborato da cinque studenti Asp (Alta Scuola Politecnica, istituita nel 2004 da Politecnico di Milano e il Politecnico di Torino), con il supporto della Camera di Commercio di Torino, di DigiSky e di Mathworks, società protagonista nello sviluppo di programmi per il calcolo matematico, è un sistema di supporto a terra, pulito e sostenibile, per il rifornimento di energia agli aeromobili in attesa del decollo. Pure Wings è stato sviluppato all’interno del più ampio progetto SkySpark che aveva per finalità la realizzazione di un velivolo “ecologico” a idrogeno.

Il progetto è nato dall’esigenza di una riduzione dell’impatto ambientale a fronte dell’aumento delle emissioni degli aerei e del fabbisogno energetico in un contesto di aumentata ricchezza che, negli ultimi trenta anni, ha portato a una crescente domanda del trasporto aereo d’affari e turistico.

Pure Wings è focalizzato sulla produzione di idrogeno per elettrolisi fotovoltaica, direttamente in aeroporto, attraverso lo stoccaggio di bombole di idrogeno pressurizzate e ha preso in considerazione due aeroporti di dimensioni molto differenti, Milano-Malpensa e Cuneo-Levaldigi.

Grazie a uno strumento innovativo è stata stimata la quantità di energia solare disponibile per anno in ciascun sito.

La scelta di produrre idrogeno attraverso l’elettrolisi fotovoltaica presenta numerosi vantaggi: l’unità di produzione del vettore energetico si può trovare direttamente in loco e può essere “tagliata” sulle esigenze di rifornimento, non ci sono costi di trasporto dell’energia, grazie alla fonte solare il sistema è “verde” e il costo dell’idrogeno arriverebbe a 4-5 €/kg entro il 2015-2020 (oggi costa circa 22€/kg).

Il progetto Pure Wings ha anche analizzato l’aspetto della sicurezza nell’utilizzo dell’idrogeno: i rischi sono notevolmente ridotti grazie al fatto che non sono impiegati gasdotti per il suo trasporto e per lo stoccaggio, che comunque potrebbe essere posto lontano dalle persone. Inoltre, l’eventuale effetto abbagliante dei pannelli sul pilota, nelle fasi di decollo e atterraggio, potrebbe essere evitato scegliendo una particolare tecnologia di elementi fotovoltaici e correggendo inclinazione e posizione degli stessi.

Asp: www.asp-poli.it



Contenuti correlati

  • IMGP6913
    Polveri sottili nelle linee metropolitane

    Il problema dell’inquinamento ambientale, come conseguenza delle varie attività dell’uomo, è considerato tra i più gravi che l’umanità dovrà affrontare e risolvere nei prossimi anni. La considerazione di partenza di questa ricerca è la constatazione che in...

  • puccioni
    L’industria chimica sta uscendo dalla crisi

    “Le imprese chimiche in Italia stanno uscendo dalla crisi grazie a specializzazione, innovazione, internazionalizzazione e rafforzamento delle attività più avanzate e di qualità”. Questi i fattori chiave coi quali, secondo Cesare Puccioni, Presidente di Federchimica (Federazione nazionale...

  • Sylvie Thomas
    Raccogliere i benefici della Circular Economy

    I vantaggi della Circular Economy in termini di impatto ambientale sono ben noti e per le aziende, adottare un approccio “circolare” rappresenta un modo per alleviare il carico sul pianeta grazie al riutilizzo dei materiali. Molte aziende...

  • kornelius-brunner
    Telelavoro: i benefici ambientali

    Celebrata ogni anno a partire dal 5 giugno 1972, la Giornata Mondiale dell’Ambiente è un giorno importante in cui le Nazioni Unite chiedono azioni globali per salvare l’ambiente e, naturalmente, il nostro pianeta. Il tema di quest’anno...

  • 08_06_2015_cap-MM
    Le case dell’acqua dissetano i visitatori di Expo

    Buona, liscia, gassata, gratuita: è l’acqua erogata dagli impianti allestiti in Expo da Gruppo CAP  , gestore del servizio idrico della provincia di Milano, e MM, gestore del servizio idrico della città di Milano, impianti installati per...

  • raee14.jpg
    Rapporto Cobat 2014

    Più della metà delle batterie vendute in Italia e oltre 7,5 milioni di chili di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche gestiti, una crescita del 211% nella raccolta dei moduli fotovoltaici e quattro studi sperimentali per il...

  • barilla spreco
    Cibo prodotto: ogni anno un terzo è sprecato

    Ogni anno vengono sprecate e perse circa 1,3 miliardi di tonnellate di cibo, un terzo della produzione mondiale e l’equivalente di quasi 1 trilione di dollari in valore. Un quarto del cibo sprecato basterebbe per nutrire i...

  • foto 3
    La terra che fa il latte più buono

    Valorizzare il territorio e la sua comunità, dando vita a un prodotto sostenibile che varca i confini locali. È questa la base del progetto Latte Mukki Selezione Mugello in confezione Tetra Top, una storia di qualità a...

  • caprari70
    Caprari: 70 anni del ciclo integrato dell’acqua

    Il Gruppo Caprari festeggia quest’anno il 70° anniversario dell’Azienda. Si tratta di un’importante realtà internazionale, che dalla fondazione di Amadio Caprari nel 1945, prosegue con successo nella produzione di Pompe Centrifughe e nella ideazione di soluzioni avanzate...

  • LifeGate_OsservatorioSostenibilita1
    Monitorare la sostenibilità

    L’approccio degli italiani ai temi della sostenibilità è positivo anche in tempo di crisi e dimostra atteggiamenti concreti ed effettivi, di consumo e acquisto consapevoli, soprattutto in termini di sostenibilità ambientale. Un trend che coinvolge circa 20...

Scopri le novità scelte per te x