Installare l’ascensore con il Bonus 50%. Trucchi e Soluzioni

energia

L’ascensore è sempre di più una tecnologia richiesta per gli edifici privati di piccole dimensioni, oltre che in quelli condominiali. Proprio per questo Il 2021 è l’anno della corsa al Bonus Ristrutturazione, da utilizzare proprio per installare un ascensore nuovo ottenendo subito lo sconto in fattura del 50%.

Il bonus ascensore 50% per la ristrutturazione degli edifici

Per chi ha davvero interesse a fare un investimento sull’installazione di un impianto elevatore, dare più valore alla casa, fornire di un ascensore moderno gli edifici storici o ammodernare il vecchio ascensore, la strada per risolvere il problema è il bonus ascensori che, spiegato bene a questo link, offre lo sconto in fattura del 50% sull’acquisto dell’ascensore, o come scorporo dell’Irpef.

I diversi tipi di finanziamento e detrazione per l’installazione di un ascensore a risparmio energetico

I finanziamenti per risparmiare sull’installazione dell’ascensore sono di tipi diversi e immediatamente fruibili. Le misure sono finalizzate all’ammodernamento degli edifici sotto diversi punti di vista:

  • quello tecnologico relativo all’installazione di ascensori e montacarichi interni ed esterni all’edificio e di altri strumenti tecnologici atti a favorire attraverso la robotica e la tecnologia avanzata, la mobilità interna ed esterna all’abitazione;
  • quello del semplice abbattimento delle barriere architettoniche;
  • quello della ricostruzione dell’immobile danneggiato da eventi calamitosi o per gli edifici dei luoghi in cui è stato di emergenza;
  • quelli di bonifica dall’amianto e di esecuzione di opere volte ad evitare gli infortuni domestici;
  • quelli per impianti di sollevamento a risparmio energetico, alimentati da energia domestica;
  • quelli relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi.

Questi sono solo alcuni degli esempi per i quali è possibile installare un montacarichi per persone o un impianto di sollevamento pagando il 50% in meno direttamente in fattura. Il 50% è riconosciuto non soltanto sulle spese di acquisto di un ascensore, ma anche per le spese per la progettazione e le altre prestazioni professionali connesse come:

  • le spese per prestazioni professionali comunque richieste dal tipo di intervento
  • le spese per la messa in regola degli edifici ai sensi del DM 37/2008 – ex legge 46/90 (impianti elettrici) e delle norme Unicig per gli impianti a metano (legge 1083/71)
  • le spese per l’acquisto dei materiali
  • il compenso corrisposto per la relazione di conformità dei lavori alle leggi vigenti
  • le spese per l’effettuazione di perizie e sopralluoghi
  • l’imposta sul valore aggiunto, l’imposta di bollo e i diritti pagati per le concessioni, le autorizzazioni e le denunce di inizio lavori
  • gli oneri di urbanizzazione
  • gli altri eventuali costi strettamente collegati alla realizzazione degli interventi nonché agli adempimenti stabiliti dal regolamento di attuazione degli interventi agevolati (decreto n. 41 del 18 febbraio 1998).

L’alternativa vincente all’ecobonus 110 per installare subito l’ascensore. Come funziona il bonus

Se ad inizio anno tutte le speranze sono state riposte nel bonus 110, dopo qualche mese la delusione ha cominciato a serpeggiare tra proprietari privati di appartamenti alle prese con le ristrutturazioni edilizie e amministratori di condominio alle prese con l’adeguamento, il restyling e l’ammodernamento di interi edifici a partire dagli ascensori. Non si trovano facilmente ingegneri e architetti per istruire la pratica, perché il cliente si aspetta di non pagare nulla dopo aver ceduto il credito d’imposta e, per la stessa ragione, non si trovano imprese edili finanziariamente in grado di anticipare le ingenti spese per l’ascensore, il cappotto termico, l’impianto solare termico, gli infissi coibentati oltre alle opere murarie.

Inoltre, l’approvvigionamento dei materiali scarseggia e i prezzi sono in aumento a causa della domanda insoddisfatta, rispetto all’offerta. Del resto, questo è un problema anche per chi vuole usufruire del bonus 110 per installare l’impianto fotovoltaico e anche in questo caso e per le stesse ragioni che riguardano l’ascensore, gli utenti sono indirizzati  verso il bonus per le ristrutturazioni edilizie ed efficientamento energetico al 50%, lo stesso che si può utilizzare per installare l’ascensore subito, con lo sconto del 50% in fattura.

Ecco tutte le detrazioni fiscali per l’installazione degli ascensori interno o esterno condominiali o per abitazione privata

Tutte le notizie dettagliate su quali sono le condizioni e quali gli interventi per ottenere il bonus sono descritte qui al link dell’Agenzia delle Entrate, mentre se vuoi ottenere un’indicazione su un preventivo dettagliato per l’installazione dell’ascensore vai pure su preventivo ascensori.

La proroga delle detrazioni fiscali e quelle del bonus ascensore per la ristrutturazione

Naturalmente non c’è nessuna differenza tra le tipologie di ascensori da installare per ottenere il contributo ristrutturazione. L’ascensore minilift, elettrico, oleodinamico, montacarichi. L’impianto di sollevamento può essere nuovo, ammodernato, sostituito, può essere installato all’esterno o all’interno dell’edificio. L’unica differenza riguarda la tipologia di edificio, relativamente alla destinazione d’uso ovvero se di tipo privato, commerciale o pubblico. Ma anche in questo caso l’Agenzia delle Entrate ha comunque previsto alcune misure dedicate, come l’abbattimento dell’IVA al 4% e quelle per le spese sanitarie.

Infine, c’è molta attesa relativamente alla proroga del bonus per la detrazione irpef del 50%. Attualmente il bonus copre tutto l’anno corrente ma considerando che le proroghe si susseguono dal 2018, è molto probabile che il bonus sia prorogato anche quest’anno. Per evitare rischi risparmia adesso, prima che sia troppo tardi.