Perché e come arredare al meglio il bagno di un ristorante

bagno pubblico

Quando si decide di aprire un ristorante, è fondamentale curare l’arredamento. Farlo significa considerare anche il bagno. Il motivo per cui è importante valorizzarlo è soprattutto uno: i clienti che frequentano un determinato locale, ci ritornano per via del cibo, della cortesia dei camerieri, dell’atmosfera in sala. Se a questi dettagli si aggiunge anche un bagno in grado di lasciare un’impressione positiva, è molto più facile che gli utenti si ricordino del locale. Detto questo, passiamo alle dritte pratiche relative all’arredamento.

Non trascurare gli specchi

Pensare di inserire nel bagno del proprio ristorante uno specchio piccolo è sbagliatissimo. Questo elemento, infatti, rappresenta un vero e proprio must per gli utenti. Per rendersene conto, basta fare un veloce riferimento ai selfie. Oggi come oggi, vivere una serata al ristorante senza farne uno è praticamente impossibile. Alla luce di ciò, è opportuno scegliere uno specchio di grandi dimensioni.

Scegli bene le piastrelle

Quando si parla di consigli per scegliere al meglio i dettagli dell’arredamento di un bagno per ristorante, è fondamentale chiamare in causa le piastrelle. La prima cosa da ricordare quando si tratta di selezionarle riguarda la qualità: una piastrella che comincia a staccarsi poco dopo che è stata posizionata non è certo un bel biglietto da visita per il locale.

Per quanto riguarda l’estetica, è cruciale ricordare il fatto di orientarsi, se possibile, verso alternative in grado di richiamare in qualche modo il pattern cromatico dominante nel locale. Basta anche una striscia di piastrelle scelta tenendo conto di questo criterio per permettere ai propri ospiti di apprezzare un effetto a dir poco piacevole.

Fai attenzione ai materiali

Discutere di scelta degli elementi d’arredo di un bagno di ristorante significa soffermarsi anche sui materiali. Quali sono quelli da evitare? In questo elenco è possibile includere il legno. Come mai è bene, se possibile, non sceglierlo? Il motivo è molto semplice: in un ambiente particolarmente umido come è il bagno di un ristorante o di un bar, eventuali elementi o complementi in legno – p.e. i contenitori – possono diventare dei pericolosi vettori di batteri.

Non dimenticare la pulizia e l’ordine

Proseguendo con l’elenco dei consigli per organizzare l’arredamento del bagno di un ristorante, è il caso di citare la centralità dell’ordine e della pulizia. Questo significa fare molta attenzione a come si dispongono gli accessori sul piano del lavandino, evitando di esagerare sia con il numero di questi ultimi, sia con le loro caratteristiche estetiche. Se si sceglie, per esempio, di inserire un distributore di asciugamani di carta, è opportuno orientarsi verso soluzioni sobrie, tenendo sempre conto dell’abbinamento cromatico con il resto dell’arredamento.

Pensa alle esigenze delle mamme

Oggi come oggi, quando si progetta l’arredamento del bagno del proprio ristorante è opportuno pensare anche alle neo mamme. Questo significa creare o un baby pit stop, ossia la zona dedicata all’allattamento, sia considerare l’allestimento di un angolo fasciatoio. In entrambi i casi, un aspetto sul quale è opportuno soffermarsi è la privacy della mamma e del piccolo. Per preservarla si può ricorrere a un piccolo separé, scegliendolo con una cromia o una fantasia in grado di richiamare i motivi estetici principali del locale.

Bagno piccolo? Sfrutta le righe orizzontali

Quando si arreda il bagno di un ristorante o di un bar, molto spesso ci si trova davanti alla necessità di ottimizzare la percezione visiva degli spazi e di farli apparire più ampi. Di trucchi utili al proposito ce ne sono diversi. In questo novero, è possibile includere il fatto di scegliere, per le pareti, le righe orizzontali.